Il M5S (forse) non è contro i vaccini. Ma i grillo sì.

Un post sul blog di Beppe Grillo non cancella l’ambiguità del Movimento sul tema dei vaccini.

 Sul blog di Beppe Grillo è apparso questa mattina un post a firma Guido Silvestri, microbiologo e immunologo. Il tema è ancora il più gettonato del momento: vaccinare sì o no? Secondo Silvestri, che scrivendo sul blog immaginiamo rappresenti la linea ufficiale del MoVimento, smentisce con forza le ricostruzioni che darebbero il MoVimento 5 Stelle contrario ai vaccini, tanto da definirle “una sciocchezza”. L’immunologo si domanda come mai ci sia questa cattiva informazione in giro, adducendo le cause forse a qualche dichiarazione del passato: “E’ possibile – scrive Silevstri – che ci siano state, in passato, affermazioni di alcuni esponenti M5S sul tema dei vaccini che hanno creato confusione”.

In effetti qualche confusione c’è. Se andiamo indietro nel tempo, precisamente al 2007, Beppe Grillo paragonava le vaccinazioni obbligatorie al gioco d’azzardo.

Se cerchiamo di capirci di più, in rete è facilmente reperibile un documento a firma dei parlamentari europei del MoVimento, che spiegano ai genitori cosa è meglio fare. Dopo aver elencato tutte le “istituzioni” di cui non dobbiamo fidarci – dall’immancabile politica ai pediatri, alle case farmaceutiche – vengono poi messi a confronto vari modelli europei, mettendo in evidenza come l’Italia sia l’unico che prevede l’obbligatorietà dei vaccini per alcun malattie e insinuando il dubbio che ci siano dei poteri forti che vogliono decidere per noi a livello politico. E’ vero, non c’è scritto di non vaccinarsi, ma con chiarezza si chiede di avere dei dubbi nella comunità scientifica.

La confusione aumenta se pensiamo che, soltanto qualche giorno fa, a manifestare in piazza con gli anti-vaccinisti davanti Montecitorio c’erano solo esponenti del M5S. Davide Barillari per esempio, consigliere regionale e candidato presidente della regione Lazio per il M5s, ha arringato la folla promettendo: “Sappiamo che sui vaccini si specula, c’è pronta una riforma per i centri vaccinali quando andremo al governo: diventeranno centri in cui si daranno informazioni sui danni provocati dai vaccini”.

Come è ormai noto, in alcune regioni come l’Emilia Romagna, la Toscana e la Puglia sono state adottate leggi sull’obbligatorietà dei vaccini per l’accesso al nido. L’idea è nata dopo la diffusione tra i genitori di tesi anti vacciniste che hanno portato le coperture vaccinali al di sotto del livello di guardia, tanto che si è parlato di una vera e propria epidemia di morbillo nel nostro Paese (con ripercussioni che si sono fatte sentire anche oltreoceano). In tutte le regioni c’è un solo partito che si è sempre schierato contro questi provvedimenti: il M5s.

Il motivo lo ha spiegato bene, fra le altre, la senatrice Paola Taverna

Dispiace che il professor Silvestri non si renda conto, o faccia finta di non capire, che non basta dichiararsi a favore dei vaccini se poi si fa di tutto per alimentare confusione e polemica sull’argomento. Non è un segreto che i grillini abbiano cavalcato e ingrossato le fila degli “sfiduciati del sistema” ma il compito di una forza politica matura è quella di non inseguire la pancia della gente ma parlare sopratutto al suo cervello (e al cuore). Di questa maturità nel M5S non c’è traccia.

Il M5S (forse) non è contro i vaccini. Ma i grillo sì.ultima modifica: 2017-04-20T17:39:20+00:00da bezzifer
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento