Nulla da dire, questo Renzi sta dimostrando di essere un ‘guerriero’, e a me piacciono i guerrieri….non i valletti lacchè. Seguo con interesse!

Renzi rilancia dopo il gelo di Bruxelles: “Lo scontro con l’Ue è un film già visto, vinceremo la partita” Il segretario Pd promette una nuova battaglia sulla flessibilità. Dombrovskis: “Noi ci basiamo sul Def fornito dal governo”

Risultati immagini per Lo scontro con l'Ue è un film già visto

La nomenclatura ( tedesco francese) teme il ritorno di Renzi; che che se ne dica Renzi è l’unico che è riuscito ad ottenere qualcosa di concreto dall’UE e non semplicemente sbraitare in casa propria ( vedi Lega…) però vi ricordo che l’Italia è pur sempre il terzo Paese più importante tra i 27 che compongono questa ‘specie’ di EU.Dovrebbe pertanto avere più voce ed essere considerata assai più di quanto appare finora.
Se Renzi sta’ dando voce a questo…perchè criticarlo!

Noi chiedendo di aumentare il deficiti ai margini del 3% stiamo chiedendo semplicemente di fare quello che gli altri fanno regolarmente come la Francia che sta quasi al 5 , come la Spagna, e come ha fatto per lungo tempo la Germania all’inizio degli anni duemila.In cambio riduciamo il debito che e’ tutt’altra cosa dell’aumento del deficit.Oltre a essere sensatissima la proposta e che solo ora potevamo fare perchè tre anni fa non eravamo credibili l’unico partito che la puo portare aventi in Europa per numeri, credibilita’ e tenacia è il PD e il suo segretario attuale. In quanto al debito pubblico che cosi diminuira’ e’ un altro falso problema perche’ gli italiani sono quelli con i risparmi piu’ alti di tutta Europa, a fronte di 2200 miliardi di debiti possediamo 8000 miliardi di immobili e valori mobiliari, quindi non c’e’ alcun rischio Italia, che e’ esistito quando aveva i conti fuori controllo nel 2011 grazie al governo Berlusconi e quell’altro genio di Tremonti che sta un giorno si e l’altro pure in tv a spiegarci quello che dovremmo fare. La verita’ è che il PD e’ l’unico che ha programmi credibili, progetti e gli altri oltre a criticare su qualunque cosa dice e fa non hanno la benche’ minima proposta che non sia assitenzialista e impraticabile come quella dei 5s, che e’ solo una offerta marketing attrattiva con quei poveri che ci cascano ne il centro destra che a parte flat tax , legittima difesa e caccia al migrante, con aggiunti cagnolini e caprette usati per campagna elettorale non ha nessun disegno di medio lungo periodo. Questi sono i fatti il resto e’ fuffa.

RENZI: Sta dando vigore alle nostre aspettative di crescita. Industria ed esportazioni sono in crescita.Ha una visione di gioco ampia e competente e cerca di darci le migliori possibilità di creare ancora Lavoro e Sviluppo.Sta dicendo alla pletora UE che il fiscal compact se lo possono riporre dove meglio credono, perché NOI abbiamo la ferma intenzione di tornare al 3% di Maastricht e non è disattendere regole, come invece il resto degli stati membri fa, rifiutando di rispettare la normativa sull’accoglienza profughi.
Questo è quanto.Qua si tratta dell’Italia, non di politiche da fancazzisti.

Si «Abbiamo colto nel segno, lo dimostrano proprio queste reazioni contrarie di Bruxelles. Visto che la Commissione presenterà tra il 2017 e il 2019 una proposta per integrare il Fiscal Compact nel quadro giuridico dell’Ue, a quel punto la posizione ufficiale del Pd è che l’Italia debba mettere il veto. Mentre per loro era tutto scontato, adesso non lo è più, questo inserimento devono trattarlo con noi. Un primo risultato lo abbiamo già ottenuto». Gentiloni e Padoan sono al corrente.Non possono, istituzionalmente, sbilanciarsi più di tanto ma lo seguono….Renzi dice:Della trattativa in Europa, minaccia di veto compresa, se ne dovrà insomma fare carico «il prossimo governo, da chiunque esso sarà guidato: Gentiloni, Renzi, Zaia, Draghi, chiunque. È una battaglia italiana, non mia». Certo, per condurla con efficacia serve un governo forte, con una prospettiva di legislatura. «Per questo mi premeva andare subito al voto, perché a Bruxelles i rapporti di forza contano eccome. Lì ti misurano al centimetro: l’apertura sulla flessibilità è nata all’indomani della vittoria alle Europee, prima non ci si filava nessuno». Questo è lo spartito che suona Renzi. Altri nemmeno sanno solfeggiare e si dividono perché vogliono il piffero e la trombetta.
ORANGE…. ma per favore.

Nulla da dire, questo Renzi sta dimostrando di essere un ‘guerriero’, e a me piacciono i guerrieri….non i valletti lacchè. Seguo con interesse!ultima modifica: 2017-07-11T18:07:07+00:00da bezzifer
Reposta per primo quest’articolo