Chi fa volontariato con soggetti che agiscono illegalmente o borderline lavora in una zona grigia che non è mai una zona franca; alcune azioni sono tollerate ma non sono legittimate, una stretta è sempre possibile. Se la fai troppo fuori dal vaso crei seri problemi a tutti gli altri. Non mi stupisce che le denunce siano partite dalla concorrenza.

Le accuse contro l’ong Jugend Rettet. Perché i magistrati di Trapani hanno sequestrato una nave di una ong che salva i migranti, cosa sospettano e che prove ci sono.

Iuventa sequestrata

Dalla descrizione nell’articolo, questi sembrano come quelli di “Defend Europe” solo dall’altra parte della barricata: inesperti ma con forti motivazioni ideologiche. Una cosa molto diversa da ONG con una storia molto lunga alle spalle, strutturate e in grado di collaborare con le diverse istituzioni.Mi trova completamente d’accordo il medico («Questi rappresentano un pericolo»), le “buone intenzioni” non mettono certo al riparo dai danni.

Peraltro, stando all’articolo, questa vicenda offre anche altri spunti di riflessione oltre a quello per cui le buone intenzioni da sole non bastano se sei inesperto:
il tutto è cominciato da un gruppo di studenti, quindi il fatto che un’iniziativa venga “dal basso” non ne garantisce la bontà; inoltre la denuncia è partita da altre ONG, questo dovrebbe far riflettere sull’opportunità di generalizzare a priori. Idealmente trovo che queste siano osservazioni a cui si dovrebbe giungere anche a partire ambiti molto diversi rispetto a quello di questa vicenda. Ad esempio, per capirsi, “FUCK IMRCC!” a me suona molto simile ad alcune invettive contro “la ka$ta”.

In realtà, andando a guardare le varie dichiarazioni fin dalla fondazione, sembra che l’associazione non “prenda nemmeno in considerazione” l’Italia, nel senso che il lor focus è la critica alle politiche sull’immigrazione e sull’asilo a livello UE.Quindi nessuno spregio delle istituzioni del nostro paese, quanto più un rifiuto delle regole (che dovrà essere accertato) e delle politiche europee. Ho l’impressione si sarebbero comportati esattamente nello stesso modo anche se le acque fossero state tedesche.

Perciò credo si tratti di una iniziativa lodevole e mi auguro che laddove non arrivi la volontà politica possa arrivare la magistratura.

Occorre un controllo fermo e deciso su questo fenomeno troppo a lungo sottovalutato.

E avrei una domanda per chi è certamente più esperto di me: se non erro le navi che hanno una determinata bandiera si considerano territorio dello stato di cui battono bandiera (es. Nave spagnola = territorio spagnolo), motivo per cui si parla di stato di bandiera.Se così è, perché i migranti che vengono recuperati in mare da navi battenti bandiera straniera sono poi assegnati al’italia e non al paese della nave che li ha soccorsi in mare? perciò qualcuno un giorno mi spiegherà cosa ci sarebbe di “umanitario” o “nobile” in un mero servizio di traghetto a carico degli stati. non seguono personalmente i migranti né si preoccupano seriamente di dare loro un aiuto, un futuro, un lavoro, una formazione,non curano, non insegnano, non liberano sti poveretti dall’animismo che li ammorba (e che li rende schiavi di santoni). no, nulla.
fanno sto becero servizio di traghetto (per sentirsi “migliori”, di chi, poi?) senza neppure rendersi conto di essere dei perfetti “utili idioti” terminali di un traffico immondo.
se volessero bene a quelle persone farebbero tutt’altro.

Chi fa volontariato con soggetti che agiscono illegalmente o borderline lavora in una zona grigia che non è mai una zona franca; alcune azioni sono tollerate ma non sono legittimate, una stretta è sempre possibile. Se la fai troppo fuori dal vaso crei seri problemi a tutti gli altri. Non mi stupisce che le denunce siano partite dalla concorrenza.ultima modifica: 2017-08-03T16:37:03+00:00da bezzifer
Reposta per primo quest’articolo