Bersani non si rassegna a non essere più un LEADER! si tura il naso e si vende (venderà) pur di mantenere comunque la scena! e con lui i vari Speranza, Civati e il BAFFINO BOLLITO!

Tra Matteo Renzi e Pier Luigi Bersani una non trattativa caduta dalle nubi. L’apertura presunta del Pd a Mdp non tiene e Bersani cita Checco Zalone. Pisapia lancia l’estremo appello: “Non mi rassegno alla sconfitta”

Bersani.Le battutine stupide non cambiano la realtà: la sinistra radicale sta lavorando per far vincere Berlusconi nei collegi, puoi girarla come ti pare.

La ”sinistra” radicale (che vorrebbe allearsi coi populisti di Grillo) ha l’unico obiettivo di far vincere Berlusconi o Grillo per eliminare Renzi. La cosa buffa è che è disposta quasi a sparire dal Parlamento per farlo… e la cosa ancora più buffa è che non otterrebbe questo risultato nemmeno se il PD perdesse, dato che il popolo riformista continuerebbe a votare Renzi, dentro o fuori dal PD. Questi piccoli strateghi non ne azzeccano una, ecco perché Berlusconi ha vinto per 20 anni !

NON MI STUPIREBBE se si scoprisse che Berlusconi finanzia la lista di ”sinistra” di MDP-SI-Possibile: in pratica nei collegi cercano di sottrarre un po’ di voti al centrosinistra per far vincere Berlusconi. A parte mettergli a disposizione giornali e tv, potrebbe davvero finanziarli, nella sostanza lavorano per la sua vittoria. Complotto? sono 3 editori, De Benedetti, Cairo e Berlusconi, tutti condannati e politicizzati, che usano i loro giornalisti contro Renzi. Nessun complotto ma realtà evidente e trasparente.A questi non frega niente del lavoro dell’italia degli italiani a questi interessa solo danneggiare il pd e Renzi in particolare perché in fondo sono cattive persone bersani pampeano ma anche cattivo.

Quanta tristezza in Bersani e in gran parte del popolo di sinistra; ancorato ai valori del sindacato dei lavoratori o a encicliche di stampo cattolico. Manca a questa sinistra una visione del futuro di Italia e sopratutto la visione di come sarà l’Europa, la Cina e l’America nei prossimi anni. Forse più che a pensare su cosa tassare si dovrebbe pensare a come potrebbe crescere una società assai divisa sul piano politico e in quello culturale economico.La solita solfa: un’alleanza che deve nascere “contro” piuttosto che ” per”.E che ci ha portato nel passato a coalizioni che andavano da Mastella a Bertinotti.Con 14/15 partiti e partitini al governo.E di cui paghiamo e pagheremo ancora le conseguenze.

Bersani, Boldrini, PIsapia Grasso e compagnia cantante devono mettersi bene in testa una cosa: Renzi è il Segretario del PD, eletto da oltre un milione di persone, in seggi messi su da migliaia di volontari. Lo hanno eletto perché credono in lui e nelle politiche che ha portato avanti in questi anni. Quindi, chiedere come pre- condizione a ogni trattativa che lui si faccia da parte, o peggio ancora che rinneghi la sua azione politica, vuol dire chiedere al PD di farsi da parte. Sinceramente, questo è troppo, abbiano tutti un po di rispetto, a cominciare da Grasso, per questo popolo meraviglioso.

L’MDP può fare qualsiasi proposta in quanto sa benissimo che a governare non ci andrà mai. Per questo le spara grosse in campagna elettorale cercando di attrarre un elettorato che non esiste più. Tutti gli attacchi che Bersani, D’Alema ecc. portano al governo e a Renzi non fanno nient’altro che spostare consensi dalla sinistra verso il M5S -BERLUSCONI o verso l’astensione. A casa di Bersani non arriva niente. Perché? Perché questa “sinistra della sinistra” non è più credibile. Non hanno fatto niente quando erano al governo (Bertinotti, Diliberto ecc.) e adesso cercano di convincerci che possono fare qualcosa?

E noi convintamente speriamo nel 41% del 4 dicembre 016.

Bersani non si rassegna a non essere più un LEADER! si tura il naso e si vende (venderà) pur di mantenere comunque la scena! e con lui i vari Speranza, Civati e il BAFFINO BOLLITO!ultima modifica: 2017-11-12T17:42:32+00:00da bezzifer
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento