Eccolo, mancava solo lui, a sinistra della sinistra per adesso ci sono più comandanti che elettori.Meglio perdere, che allearsi con questa sinistra della sinistra di leaderini mai eletti, e destinati a continuare a scindersi tra loro ed essere sempre più insignificanti

Appello al Pd: oggi o si cambia o si perde.

Manconi, la settimana scorsa eravate al 3%. Ieri ha parlato la Boldrini e oggi siete scesi al 1,5%. A buon intenditor poche parole.Tutti si appellano al PD e a Renzi che deve acconsentire alle richieste di altri, ma a Bersani e D’Alema che voglio comandare nessuno gli dice di dire chiaramente cosa vogliono.Eccone un altro il 50 esimo…benvenuto a dire la tua… manconi..massimo rispetto per la storia e la persona…ma basta!!! alla gente…non interessa niente…non e’ Renzi per gli elettori pd. il problema capitelo..basta guardare le primarie….siete voi i d’alema bersani cuperlo fratoianni..che e’ li sempre come il prezzemolo e col suo carisma da straccio come speranza..tutta questa fauna parassitaria..che per decenni ha prodotto…che la cosi detta sinistra ed il suo elettorato passasse ad altro ben prima di Renzi…vero signora boldrini a 15 mila euro e che vota contro i vitalizi disperatamente richiesti da Renzi e Rchetti…..siete al 1,5%…. e basta intervistare gente fallita

O si cambia o si perde. Cambiate! Andate tutti a casa, lasciate poltrone, scranni, vitalizi e stipendi e lasciate il posto a qualcun altro. Siete sempre gli stessi da decenni….gli unici pidiodi senza p mi pare sia chi continua a dire come un mantra che Renzi non sia stato eletto, mi sembra che le ultime due primarie (elezioni) per la segreteria del PD (UNICO POSTO CHE OCCUPA) le abbia ampiamente vinte ,quindi non solo possa ma anzi debba legittimamente occupare quelle poltrona,ma a voi troll di professione non interessa la verità delle cose ma solo poter sfogare la vostra frustrazione di poveri falliti. Una domanda….sto signore per fare sapere che fisicamente esiste…fa questa dichiarazione a huffington post…perchè non va nella sede naturale…la direzione pd di cui egli fa parte…e mette ai voti le sue idee?…ma…anche lui ci voleva far sapere che esiste….Un altro… Piu grande il dibattito, delle idee. Nessuno che parli di cose da fare per l’Italia. Sinistra autoreferenziale. Fossi in Renzi vi lascerei fuori. Manconi e’ persona stimabile, ma non è il leader di qualcosa.

L’accordo non lo vedo proprio.Come potrebbero trovare una sintesi tra la posizione di Minniti e quella della Boldrini sul tema immigrazione.Alle urne andranno da separati…..e L. Manconi tornerà a casa.Amen.Domandina facile facile per tutti i cambiatori: ma perché deve cambiare solo il PD? Non pensate di dover cambiare un (bel) po’ anche voialtri? Ci mancava Manconi, il sig. Berlinguer oggi, udite, udite ha esternato il suo pensar, cosa dice, bho! e chi lo legge, lui al riparo dalla povertà, grazie ai ricchissimi compensi parlamentari, è un pervicace sostenitore dell’accoglienza, ci vorrebbe invasi dai migranti economici, nonostante la stragrande maggioranza degli italiani sia contraria, critica il PD lancia anatemi contro Minniti, ma chi rappresenta, se stesso? quindi come da tradizione vorrebbe una unità appiattita sulle sue posizioni demagogiche, per lui i cittadini sono persone da educare alla causa, non da prendere in considerazione per la loro volontà, questi ex, pseudo comunisti, come al solito portano avanti una ideologia bocciata dalla storia, sono recidivi nelle loro brutte abitudini, questa volta i contorni si stanno chiarendo, ci vediamo al prossimo giudizio elettorale.

PS:Sono un Cittadino italiano, che ha votato PD nella speranza di vedere finalmente dei cambiamenti nel modo di gestire lo Stato e nei rapporti con la Sinistra Massimalista. Ho apprezzato che con la Segreteria Renzi si sono finalmente rotti quei legami di sudditanza verso l’estremismo parolaio che bloccavano l’azione del principale Partito della Sinistra. Ho apprezzato che finalmente si sia smesso di dar credito ai soliti tromboni, bravissimi nel prevedere il passato e nel non prendersi mai nessuna responsabilità. Ho apprezzato che ci si sia presi responsabilità, rischi e scelte. Non voglio che si torni indietro. Non voglio che si torni ai metodi del “Caminetto”, dove un gruppetto di Grandi Sacerdoti auto nominatisi Custodi della Verità, della Giustizia e del Sacro Verbo si arroghino il Diritto di sproloquiare e dare indirizzi senza che nessuno gli abbia conferito alcuna delega. Non ho l’autorevolezza del Manconi, ma ho un voto che conta uno come il suo, e se dovesse prevalere la sua impostazione e il Gruppo dirigente del PD dovesse accettare di formare una coalizione dei Brancaleoni d’Italia, il mio voto preferisco darlo ai Berlusconi e ai Salvini. Almeno so che cosa posso aspettarmi.

“O si cambia o si perde!” Benissimo, allora cominciamo a cambiare per non continuare a perdere. Cominciamo che quando il mio partito mette la fiducia su un decreto promosso da due suoi importanti ministri, io senatore dico quello che penso, esprimo pubblicamente il mio dissenso ma poi lo voto e zitto, se questa e’ la linea del partito.
Cominciamo che un partito “largo, accogliente e plurale” e’ pur sempre un partito politico ovvero una organizzazione che deve esprimere visioni chiare e ben identificabili sulla propria idea di societa’ e di stato, non un “collettivo” studentesco che occupa un liceo e per il quale ognuno e’ libero di dire e fare quello che gli pare e quando gli pare.
Cominciamo che bisogna riconoscere gli altri “soggetti” anche quando sono la maggioranza.Cominciamo che giuste o sbagliate che siano, certe decisioni, io, le deve prendere e molto in fretta, invece di continuare a ripetere che “noi” dobbiamo prendere decisioni.

 

 

Eccolo, mancava solo lui, a sinistra della sinistra per adesso ci sono più comandanti che elettori.Meglio perdere, che allearsi con questa sinistra della sinistra di leaderini mai eletti, e destinati a continuare a scindersi tra loro ed essere sempre più insignificantiultima modifica: 2017-11-13T17:12:22+00:00da bezzifer
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento