Oddio gigetto che tranquillizza gli Usa… questa mi mancava! Ma siamo sicuri che sia veramente a Washington?

A Washington Luigi Di Maio torna istituzionale e tranquillizza gli Usa nel segno di “America First” “Loro il nostro alleato, Russia interlocutore”. Su possibili finanziamenti del Cremlino a M5s: “Tutto falso”

Tutti gli americani aspettavano che giggino “o webbe mastér” li tranquillizzasse. Forse erano nervosi.Certo che questi di Hp che fanno i titoli… sono veramente spiritosi! Giggino al massimo può tranquillizzare Deangelis,che statista si dice che potrebbe tenere un discorso al parco di yellowstone insieme all’orso yoghi. Giggino ‘o manichino arrivato a Washington  si trasforma da Giggino ‘o bolscevico a Giggino ‘o mericano.

Quindi la discontinuità del M5S finisce al confine nazionale, appena fuori inizia lo scodinzolamento. Essere “alleati” degli americani significa finanziare il complesso industriale-militare con l’acquisto degli F-35 e altri sistemi d’arma Made In USA; significa portare i nostri soldati a combattere in guerre che producono solo instabilità che poi scontiamo noi, non loro che sono dall’altra parte dell’Atlantico; significa mettere sanzioni contro la Russia che colpiscono le nostre aziende e il nostro export, non il loro. Sarebbe finalmente tempo di dire no a tutto questo.Meglio Democrazia Atea che Democrazia Fasulla del MSS.Cosa non si fa per una poltrona! I grillini ormai si sono “livellati” al piano scantinato. Americani (quelli che ci hanno rifilato i loro titoli tossici, innescato una crisi finanziaria senza precedenti e tentano di sfasciare l’Europa), primi alleati; i russi (ex-comunisti ora mezzi fascisti) interlocutori storici.In patria fanno i rivoluzionari, ma appena vanno all’estero calano indecentemente le braghe. Per la poltrona.Ma in parlamento va il 30% delle volte. Ma in compenso è sempre in giro con i soldi dei cittadini onesti che lavorano e pagano le tasse.Non con i soldi degli sfaticati che aspettano il reddito dei nullafacenti. Da Fazio ha fatto flop… quando lo vedono e sentono tutte le cavolate che dice scappano!

Preoccupante l’affermazione di Di Maio sulle tasse alla Trump, speriamo stesse bleffando. l’america sta godendo ei benefici a medio e lungo termine creati da Obama, questo e’ un dato certo. Trump creera’ danni economici a breve termine.Ma allora Giggino il condottiero aveva ragione quando parlava di alter ego! Quest’uomo ha il Disturbo Dissociativo dell’Identità, dice tutto e il suo contrario. È confuso o fa il furbo? O più semplicemente, è il ritorno della DC? Eh sì, perché questa uscita fa il paio con il bacio della reliquia, e quindi il cerchio si chiude!!! Di Maio ha poi continuato parlando del fatto che la priorità del programma M5s è quella di puntare sull’export delle eccellenze italiane e sulla protezione del mercato interno: Dazi protezionistici? Così vedi quanti prodotti italiani riesci a vendere all’estero!

Se il governo in carica si azzardasse a proporre di abbattere le tasse alle imprese finanziando la misura in deficit verrebbe crocifisso il minuto dopo. Da tutti,Repubblica FQ in prima fila con un bell’articolo di quelli con un “ma” enorme nel titolo. Ma lo dice Di Maio, quindi passa liscio senza neanche un commento dell’autore dell’articolo. Comunque quello che mi colpisce è l’apparente assenza di un progetto, dice di voler fare tutto e il contrario di tutto, col risultato che non si capisce proprio per fare cosa uno dovrebbe votarlo. O meglio, si capisce che da politico consumato promette a chiunque quello che vuole sentirsi dire pur di prendere i voti, poi si vedrà. Se mai avessi avuto dubbi che sono esattamente come gli altri Di Maio me li ha tolti tutti.

La politica estera di Di Maio: una botta al cerchio ed una alla botte. L’ amico Putin alleato storico, l’ amico Donald esempio da imitare di riforma fiscale. E la NATO ? Si dovrebbe uscire , ma si potrebbe anche restare, dipende da che giorno e. Fuori dai patri confini conviene essere ecumenico, non ci si sbaglia mai.

A GIGGI’ FACCE RIDE…. Gli Italiani d’America non si vogliono perdere questo spettacolo esilarante , magari giggino canta loro pure “” O sole mio “”…Successo assicurato da tempo si aspettava l’erede di Mario Merola al di la dell’oceano.Speriamo che non “” scappi anche li “”” La stampa americana è molto più libera e indipendente di quella Italiana, e le domande che fanno sono dirette ed esigono risposte dirette Aveva gridato “” Italia fuori dalla NATO…..gli F35 non li vogliamo ritiriamo le truppe in Afganistan …Via le sanzioni alla Russia Naturalmente in America smentirà tutto ahahaha Magari un posto da PIZZETTARO li lo trova.

 

Oddio gigetto che tranquillizza gli Usa… questa mi mancava! Ma siamo sicuri che sia veramente a Washington?ultima modifica: 2017-11-15T08:54:09+00:00da bezzifer
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento