LA “RICREAZIONE È FINITA”!

Risultati immagini per la ricreazione è finita
La disperata difesa del potere, sbatte contro le esigenze di un Paese da ricostruire e da salvare. Le macerie non sono quelle della guerra ma della criminale gestione del potere. Sono le macerie dell’economia della sopravvivenza che si arrabatta fra gli sprechi e corruzione, gli impossibili investimenti e la questua per la flessibilità, delle tecnologie obsolete, dell’insufficiente cultura scientifica, aggravata dalla fuga dei cervelli, della disoccupazione dei giovani, della ricerca e dell’innovazione senza risorse, della carenza energetica non sostenuta né ampliata con quella pulita e rinnovabile, della scarsa o nulla tutela del patrimonio storico e culturale, della mancata conservazione delle risorse idriche, dell’inquinamento ambientale, del pericolo delle zone a rischio idrogeologico,della vivibilità delle città, della inefficienza, insicurezza o assenza dei servizi sociali e della inattendibile ricostruzione delle aree terremotate. Sono le macerie dell’impoverimento di gran parte della popolazione, a beneficio di pochi, della giustizia rubata e intralciata, dello sviluppo insoddisfacente e di quel debito pubblico che è l’incombente magma che annuncia il default. 
È l’immagine del Paese finora salvato dalla politica monetaria della BCE ma non durerà a lungo. 
I responsabili si affannano per non perdere il potere. Un miserabile riflusso che nasconde la realtà. È lo scellerato ricorso storico, riprodotto da classi dirigenti e politiche ignoranti, incapaci o corrotte! Dopo la fine della DC, per evitare il fallimento, in una breve parentesi di consapevolezza, il Paese ha conosciuto il trauma necessario dell’adesione all’EU e dell’Euro. Fu l’inizio della brutale ridistribuzione della ricchezza e della ricerca di equilibri, che riproducessero il sistema democristiano. La criminalità s’impegnò per favorire il nuovo disgraziato assetto politico. Si sentì il bisogno di governabilità che si tradusse in leggi elettorali maggioritarie con lo scopo di ottenere un bipolarismo, che non aveva come fine l’alternanza ma di promuovere il consociativismo. Una prevaricatrice associazione per riprodurre, con altri personaggi, il sistema della DC e tutelare gli interessi di pochi ed evitare il rischio delle patrie galere per mafiosi, corrotti e corruttori. Volontà delittuose che hanno avuto l’effetto di riportare il Paese sull’orlo del fallimento in una condizione peggiore di quella che determinò la fine del regime democristiano. La sciagurata navigazione del bipolarismo ha incontrato lo scoglio del terzo importuno. Il popolo italiano, nelle stesse condizioni dei francesi del 1789, non avrebbe mai fatto la rivoluzione e il risorgimento fu una rivolta di elite di conservatori. Eppure il nuovo PD, con la base culturale dell’illuminismo, con aspetti non dilettantistici e farraginosi, rappresenta una sorta di rivoluzione popolare. Per combattere politicamente l’associazione politica delinquenziale di questi ultimi vent anni,ora vicina alla resa dei conti,la quale ricordatevelo ha fatto non approvare e affondare la riforma costituzionale e I’talicum che avrebbe reso l’ITALIA più moderna più sicura più snella più al altezza dei tempi moderni. Ora la loro strategia eversiva è cambiata. La legge elettorale doveva essere maggioritaria e invece è diventata perfettamente proporzionale e di conseguenza aperta alle alleanze e alla proliferazione di liste. La scheda elettorale sarà “extra large” per il numero di liste collegate alla destra sinistra centro e più ce né più ce né mettano. Il loro marchingegno è perfetto! OK Danneggia il M5S perché rifiuta in ragionevolmente di compromettere la discutibilissima onesta di intenti contro chi ha portato il paese sul’orlo del fallimento. Invece i D’Alema &C, con un comportamento vergognoso rende impossibile l’unione della sinistra, rifiutando la richiesta di farsi da parte, sicuro del suo potere sul vecchio PD e ha lavorato alla nuova porcata necessaria per consentire alla destra di superare i contrasti e riconquistare il potere. 
ORA:La rabbia deve esplodere nelle urne.O non ci sarà un partito in grado di governare da solo.E dovremo fare i conti o con transfughi comprati. Il bipolarismo consociativo è alla fine se saremo compatti e svegli. Non potrà sostenere la gravità della situazione.E userà il potere per mantenere i privilegi in una condizione insostenibile e fallimentare. Non sono possibili compromessi e flessibilità. Il Paese deve rimanere nell’UE, il debito pubblico deve scendere sotto il 100%, bisogna trovare, nelle giuste tasche, i soldi per la ripresa dell’economia, la ridistribuzione della ricchezza e per un nuovo rinascimento sociale e culturale rispettoso dell’uguaglianza e giusto. Impossibile tornare alla lira che avrebbe il valore della “carta igienica”! Il nuovo governo nascerà sulle spoglie di una drammatica lacerazione del quadro politico che deve e può essere provocato dalla straordinaria partecipazione e dalla consapevolezza che il Paese deve avere, la Costituzione, la libertà, la giustizia e l’uguaglianza sono beni comuni. Le civiltà che hanno tradito questi fondamentali principi sono scomparse o sono destinate a scomparire.

PERCIÒ ITALIANI APRITE GLI OCCHI NON CREDETE HAI PIFFERAI MAGICI O HAI MAGHI OTELMA O HAI COMICI A CINQUE STELLE, PRENDERLO IN C..O CHIEDETELO A CHI LA GIÀ PRESO FA MALE E DI STELLE NE VEDRETE TANTE.NON CREDETE HAI MIRACOLI GUARDATE ALLA REALTÀ,GUARDATE A COSA E STATO FATTO IN QUESTI TRE QUATTRO ANNI.POI GUARDATE COSA ANNO FATTO CHI A GOVERNATO FIN DALLA NASCITA DELLA REPUBBLICA ITALIANA E TIRATE LE CONCLUSIONI.NON RICORDATE COSA E STATO FATTO CON IL GOVERNO RENZI GENTILONI. I dati oggettivi sono questi qui sotto.
Con il Nuovo PD di Renzi si è ricominciato a investire, a uscire dalla recessione lasciata da Monti e a:
Crescere in PIL dal -2,0% del 2014 a più del 1.5% accertato fino al probabile 1,8% nel 2017 ( Oggi OCSE alza la sua stima ufficial da 1,4% a 1,6%),
Ridurre finalmente lo spread di crescita con la media dgli altri paesi da -2.0% del 2014 al -0.6%
Ridurre il deficit annuo dal -3.0% del 2014 al -2.0% del 2017 che con una crescita del 1,6% ed un’inflazione del 1.0% porterà già dopo anni ad un debito totale in calo, probabilmente già nel 2017 ,
Aumentare dopo anni i redditi medi del 2,5% nell’ultimo anno.
Vuol dire 625€/anno in più. Nei 20 anni precedenti i redditi medi degli italiani sono aumentati solo di 30€/anno, mentre quelli di tutti gli altri paesi avanzati di quasi di 300€/anno nonostante le crisi
Jobs act con creazione 1.000.000 di nuovi posti di lavoro in di cui circa metà permanenti e abolizione CoCoCo e finte partite IVA senza contributi e diritti sociali liberalizzati da D’Alema.
Fanno pena le critiche lamentele di quelli che negli anni precedenti ne hanno persi milioni, perché non sono tutti permanenti.
Assunzione 100.000 precari nella scuola e 2 Miliardi di finaziamento
Assunzione 1500 ricercatori
Reddito d’inclusione: 500/€/mese a 700.000 famiglie
Unioni civili e ANAC
riforma Pubblica Amministrazione e rinnovo contratti dopo 10 anni
sussidio ape sociale.

L’ELENCO VI BASTA O DEVO ANDARE AVANTI?

LA “RICREAZIONE È FINITA”!ultima modifica: 2017-12-03T11:58:02+00:00da bezzifer
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento