Brava Maria Elena Boschi , avanti anche con gli altri pennivendoli.

Maria Elena Boschi porta Ferruccio de Bortoli in tribunale.Su Facebook annuncia: “Ho firmato il mandato per l’azione civile. Da due anni utilizzano la vicenda di Banca Etruria per attaccare me e il Pd”

Ho firmato oggi il mandato per l’azione civile di risarcimento danni nei confronti del dottor Ferruccio de Bortoli. A breve procederò anche nei confronti di altri giornalisti”. Lo scrive Maria Elena Boschi su Facebook. “Mi spiace dover adire le vie legali contro alcuni giornalisti, non lo avevo mai fatto prima. Nemmeno in presenza di affermazioni evidentemente diffamatorie. Ma credo che sia ormai necessario farlo perché sulla verità dei fatti si pronunci un tribunale in nome della legge. Perché la legge è uguale per tutti.

Brava Maria Elena, questa azione civile è una chiara dimostrazione che contro di te non hanno fatto altro che chiacchiere.Toccagli il portafoglio e vedrai che i bauscia, svaniranno in poco tempo. Perché pur nell’incertezza della italica giustizia ci sono ottime possibilità di successo.

FERUCCIO DEBORTOLI. Mi aspettavo l’annunciata querela per diffamazione, che non è mai arrivata. Dopo quasi sette mesi apprendo che l’onorevole Boschi mi farà causa civile per danni. Grazie. Ma prego,perché dopo che l’avrebbe denunciato in sede penale, cosa succedeva? sei forse convinto che caro De Bortoli in caso di condanna sarebbe andato in galera? l’azione penale è finalizzata al risarcimento dei danni e lei la BOSCHI lo chiede direttamente con l’azione civile. ti ricordo, poi, caro De Bortoli anche in sede civile potrai chiamare a testimoniare Ghizzoni. Se vuoi fare male a chi ti ha diffamato gli fai male con l’azione civile e il risarcimento danni. Quando gli tocchi il portafoglio i furbetti ne risentono più che se il tribunale li condanna per diffamazione . Chiedere a Sgarbi. COMUNQUE: L’importante è che si vada in tribunale per smascherare De Bortoli & C: brava MEB!

Io mi auguro di non vedere più gli assassini pluri pregiudicati buffoni,nulla facenti è ladroni incapaci,ché stanno infangando l’italia portandola nel baratro grazie alle persone incapaci di distinguere il bene dal male è la dittatura fascista sappiamo tutti cos’è ma per voi sarebbe Renzi è la Boschi che distruggono la Democrazia e non dei fannulloni incapaci è querelati 80% di loro, rubandoci dei stipendi d’oro,poveri esseri trovati nei pab,grazie ad un assassino ché vive si su ignoranza della povera gente ignoranti di nome è di fatto fatto? Bravo ITALIANO che sai valutare con la tua testa senza condizionamenti esterni tu si ché sai da ché parte sta il bene è il male politico,no in un fascista come Di Maio ma in un democratico come il segretario Renzi,persona onesta è capace politicamente.Grazie alle persone ché la pensano come loro (setta 5ss) L’italia rischia la dittatura.

Italiani:”GUARDATE Anche sulle esequie del progetto di riforma costituzionale si potrebbe forse annotare qualcosa: gli errori di Renzi successivi alla sconfitta, certo, ma anche il fatto che le «terre promesse» in caso di vittoria dei no sono rimaste miraggi assai lontani. Non c’è una legge elettorale migliore della precedente, non c’è un governo più forte e «legittimato» di quello che fu costretto alle dimissioni ed il bicameralismo è sempre lì, a produrre bizantinismi e tempi doppi” Inoltre, i risultati del clamoroso no, hanno fatto resuscitare Berlusconi, in combriccola con Fratelli D’Italia e Salvini. La diretta conseguenza del famigerato “no” è la diretta conseguenza dello stallo politico attuale. Ma voi vi dilettate a inveire contro la Boschi. Ma andate a quel paese!! Per carità l’intelligenza sta in voi è non nella democrazia del PD….furboni LORO come tutti i LORO preferiti ladroni,incominciando da un assassino ché spera di portare L’italia nel baratro,così almeno ci campa da nababbo….a vita!

TORNANDO SUL ARGOMENTO.Brava MEB, avanti anche con gli altri pennivendoli

 

Brava Maria Elena Boschi , avanti anche con gli altri pennivendoli.ultima modifica: 2017-12-05T10:42:51+00:00da bezzifer
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento