Piccoli dittatori crescono…. si comincia con la stampa e si finisce coi forni, basta sempre dare fuoco..

Luigi Di Maio chiede all’Osce di sorvegliare i giornalisti. Il candidato premier M5s: “Focus sulla situazione dei media e del tempo da loro dedicato ai vari gruppi politici”

Risultati immagini per Piccoli dittatori crescono uno e DI MAIO

Questi miracolati dipendenti della Casaleggio Associati non conoscono la vergogna. Vogliono far credere all’OSCE che in Italia vige una dittatura africana o sudamericana. Non si vergognano, non si vergognano mai di niente. Sono il peggio del peggio.

SAPENDO E DIMOSTRANDO COSA SUCCEDE Soprattutto su un blog infarcito di notizie false di uno dei soci di un’azienda occulta che manovra un movimento , sull’organo di stampa ufficiale del suddetto movimento che schizza più fango di una pozzanghera grande come il lago di Garda, su un canale televisivo che ormai fa pubblicità sempre allo stesso movimento con la presenza continua e stressante dei suoi rappresentanti, sulle decinaia di siti farlocchi collegati a chissà chi che sfornano invenzioni bugiarde come panini ogni giorno allo scopo di screditare gli avversari politici.Bravo giggino ora in ordine scrivi a babbo natale, santo stefano, oby wan kenoby, a soreta, a mammeta, la befana e a quello che ti tromba la ex ora ufficialmente prima ufficiosamente! CIAO GIGGINO e porta un saluto alle famiglie mafiose sicule e ai tredicine-spada.

Quando sentite dire che qualcuno è il massimo della stupidità ricredetevi: c’è Di Maio che supera questo limite. L’OSCE a controllare il nostro voto, i giornalisti? Passi quando credono nelle sirene nelle scie chimiche ed altre amenità ma, che credino di vivere nella repubblica delle banane è serio e li discredita e ci discredita. Qualcuno di loro con un po di amor proprio lo consigli adeguatamente.

Ma sto tipo che noi paghiamo anche come ”vice della Camera”, che ha solo un 30% di presenze a Montecitorio, per fare un tour di due mesi in sicilia, un fottìo di selfies a Washington, e poi sto rally pre elettorale a rompere i maroni alla gente in giro… ma un mestiere non lo trova? ma ..e chi sorveglia Di Maio?A parte la facile battuta su chi monitora I politici del M5S, sarebbe da esprimere fortissima la preoccupazione sul fatto che un politico (che sa molto di telecomandato dalla Casaleggio&Grillo Associati) chieda in pratica il silenzio stampa. Primo passo per la dittatura del medio-man italiano assistito dal grande fratello della Casaleggio&Grillo Associati SpA! Ma per la grillina che é assente dal lavoro per fare propaganda in sicilia come la mettiamo? Silenzio stampa? Chissà se il nullafacente fuoricorso decennale riempirà la sua campagna elettorale con i grandi successi ottenuti dai sindaci grullini, con la sindaca piagnona in testa. Per ora si concentra sulle cose fatte mal dagli altri, della serie, se non sono meglio di loro, cerchiamo di farli passare peggiori di me. Come gli altri, nulla di nuovo.

Praticamente uno dei motivi per cui l’Italia è al millesimo posto nell’informazione, quello di avere una stampa perseguitata. E finchè è la mafia, la ‘ndragheta, ci sta pure. Ma ora pure questo? Caro Di Maio sino a poco tempo fa sembrava che il M5S fosse il sicuro vincitore delle prossime elezioni ora si inizia a dubitare e quindi… l’appello all’OCSE per poter poi giustificare il fallimento della mancata possibilità di governare… Purtroppo, e da sempre, la politica o meglio i politicanti in Italia sono come un branco di lupi pronti a sbranarsi in occasione di una qualsiasi fase elettorale… pertanto o ti adegui o… smettila di dire ca….te e parla di programmi che abbiano possibilità di essere finalizzati…. Di venditori di fumo che si sono succeduti negli ultimi 20 anni ne abbiamo avuti sin troppi ma quel che è peggio è che ne stanno crescendo molti altri… e peggiori…

E A proposito di “Onesti e Trasparenti” che si intascano lo stipendio a “sbafo”:
Il preside: «Non la vediamo mai»
Valentina Puglisi, «portavoce M5S» di Misterbianco a Catania, è stata eletta a giugno. Ma è anche maestra di Italiano a San Salvario. Risulta assente da settembre. L’Ufficio Scolastico Provinciale ha aperto un’indagine di Paolo Coccorese
Valentina Puglisi
Valentina Puglisi, «Portavoce M5s di Misterbianco», è stata eletta nel giugno scorso. Da allora, sulla sua pagina Facebook annota ogni istante della carriera politica al comune in provincia di Catania. Foto e notizie per aggiornare i suoi follower, mentre non ce n’è alcuna della sua «seconda vita» a 1.500 chilometri di distanza. A Torino è una maestra di Italiano alla I A di corso Marconi dove, però, da settembre non l’hanno mai vista. Assenza giustificata per l’attività politica, sfruttando i permessi previsti dalla legge e «continuando — dicono dalla direzione — a percepire lo stipendio», che ha scatenato non solo le polemiche dei genitori degli alunni. Ma anche l’attenzione dell’Ufficio Scolastico Provinciale, che ha aperto un’indagine.
La scorsa settimana sulla scrivania del direttore dell’Istituto Comprensivo Manzoni, quello dell’elementare, sono arrivate le prime due richieste di nullaosta dei trasferimenti. «Due famiglie hanno preferito portare i figli in altri istituti. Erano stanchi della cattedra vacante di Italiano», dice il preside Barbato Vetrano, 58 anni. In tanti anni di scuola non aveva mai fatto i conti con il problema del «docente fantasma». Insegnanti nominati di ruolo, ma che a scuola non si vedono mai. Il più delle volte risiedono in regioni lontane. E giustificano l’assenza con motivi di famiglia o certificati medici brevi rinnovati di settimana in settimana. In questo modo conservano il posto di lavoro, ma di fatto impediscono ai dirigenti di trovare per i bambini un supplente che garantisca la continuità didattica. È il copione dell’elementare Rayneri di San Salvario. Protagonista la «maestra Valentina». Siciliana, classe 1980, reggente della cattedra d’Italiano di classe prima costruita quest’anno. Professionista apprezzata. Anche perché «due anni fa aveva già fatto un anno di prova con noi con un servizio ineccepibile», dicono dalla scuola di San Salvario. Maestra con la passione per la politica.
Attivista del Movimento Cinque Stelle, a giugno è stata eletta con 98 voti come consigliera comunale a Misterbianco, comune di quasi 50 mila abitanti vicino a Catania. Carica che le impedisce di insegnare nella scuola di corso Marconi. «Da quando sono arrivato a settembre — dice il preside Vetrano —, non l’ho mai vista. Ma si è premurata di farmi avere le norme che giustificavano le sue assenze». Valentina Puglisi, «Portavoce M5s», per svolgere il suo ruolo di opposizione nelle sedute del consiglio comunale e in quello delle commissioni di lavoro beneficia dei permessi previsti per legge. E dice «Non commetto alcuna irregolarità». «Le licenze — come spiega Stefano Suraniti dell’Ufficio Scolastico Provinciale — le permettono di assentarsi per la giornata dei lavori consiliari. Stabilendo il diritto di assentarsi dal servizio per il tempo strettamente necessario per la partecipazione a ciascuna seduta dei rispettivi consigli. E per il raggiungimento del luogo di suo svolgimento».
In questo modo, però, la «maestra fantasma» è autorizzata a non presentarsi in classe per molti giorni consecutivi. «Perché — spiega il preside, Vetrano —, se martedì hai riunione di commissione in Sicilia, il lunedì e il mercoledì puoi chiedere il permesso per i viaggi di andata e ritorno». Così, alla Rayneri sono stati costretti a chiamare una supplente. Ma con scarsi risultati. Perché anche la nuova docente è «fantasma» da giorni per via di alcuni problemi di salute. «Con tutti questi problemi e la cattedra ballerina ho preferito portare mia figlia in un’altra scuola», dice Pierpaolo Corneo, genitore di uno dei due alunni trasferiti in altri istituti. «Abbiamo avviato gli approfondimenti sul caso Puglisi perché c’è una sovrapposizione di norme regionali e nazionali», dicono dall’Ufficio Scolastico Provinciale. Anche perché Valentina Puglisi latita da Torino per essere «Portavoce M5s di Misterbianco». «Ma continua a percepire lo stipendio da maestra — dice il preside Vetrano — perché non ha voluto chiedere il congedo».

Sempre.A proposito di “Onesti e Trasparenti”

Al Di Maio.Gli hanno inviato una lettera per raccontargli che nelle loro liste avevano candidato un delinquente ora in carcere e che quindi hanno falsato il voto? Mi dicono dalla setta.Non avevano candidato un delinquente, ma un incensurato che poi è stato arrestato. Quelli che hanno candidato delinquenti sono gli altri. Distorsione della realtà e poi vi sentite anche paladini contro le bufale.. Ahahahahahahahaha
sapete benissimo o forse no non lo sapete perché credete a quello che vi dicono i mentitori seriali dei cinque stelle, ma quel signore aveva una indagine in corso da moooolto prima che venisse arrestato ed è impossibile che non lo sapesse lui e chi lo ha candidato. Se poi ha prodotto documentazione falsa è doppiamente delinquente e chi non se ne è accorto fin troppo sprovveduto… ma si sa che Di Maio non capisce le mail…

 

Share

E adesso come faranno grillini e leghisti ??? saranno costretti a prendere le distanze dai loro amici ! RICORDIAMO CHE GRILLINI E DESTRE in Parlamento hanno votato NO alla legge che vieta la propaganda fascista.

Il Pd porta il caso Como in Parlamento. Salvini: “Il problema è Renzi, non gli skinhead” Salvini contro il segretario dem che aveva detto: “Condanne timide, su questi temi non devono esserci divisioni”. Boldrini invoca una “mobilitazione civile”

Risultati immagini per Il Pd porta il caso Como in Parlamento.
E come potrebbero Salvini e Meloni condannare le stesse cavolate sull'”invasione” che sparano anche loro? Questi gruppetti sono solo i “primini della classe” di un’accademia della politica fatta con falsità e cattivi sentimenti che in Italia è più vecchia di Mussolini.
 “Vorrei dire all’On. Meloni, se mi può dare il suo indirizzo di casa così organizzo una spedizioncina con una quindicina di amici nerboruti e poi vediamo se parla ancora di “intimidazione” e non di “violenza”
Riguardo a Salvini prendo atto che gli ultimi due neuroni sono entrati in sciopero e non si sa quando riprenderanno a lavorare Forse mai !! o sei ignorante o sei un disinformatore: come puoi vedere, banalmente, da un esempio a caso (http://dati.camera.it/ocd/aic.rdf/aic4_02650_15) al parlamento hanno inoltrato interrogazioni eccome di casi analoghi a parti invertite. Studiatela un po’ di storia invece di sparare sentenze o metterti nell’avatar l’icona di un ex-partito di sostenitori di un altro ex-partito di traditori della Patria.Si devono applicare le leggi vigenti, come la legge Mancino, senza esitazione alcuna , la democrazia è incompatibile con il fascismo.
Per tutti i fascisti (e Salvini per primo) il fascismo non esiste ma il problema dell’Italia è che fa notizia quello che dice il fancazzista salvini!!!! Renzi può essere un problema… e si risolverà. Quello che non sarà possibile fare è rendere Salvini una persona interessante…Salvini ha perso ogni pudore e ha gettato la maschera . Siamo al delirio e gli squadristi sono tali e basta, di qualsiasi colore siano. Andrebbero prima randellati e poi imprigionati, senza se e senza ma Quanto si e seminatori d’odio ed avvelenatori delle coscienze…………, di loro prima o poi se ne occupa quel galantuomo del tempo, pero’ forse sarebbe meglio non aspettare il suo intervento (notoriamente ha tempi lunghi)
I problemi dell’Italia sono Salvini e Di Maio. Già alleati in campagna elettorale, sono pronti a governare insieme per portare in Italia decrescita (definita felice) e depressione, odio e povertà, paura e divisione.
Share

Se in Bankitalia pensano di creare una forza unendo due debolezze è meglio che cerchino uno bravissimo. E intanto se ne tornino a casa

Banca Etruria, il pm di Arezzo: “Strano incentivare la fusione con la Popolare di Vicenza” Il magistrato Rossi rievoca la mancata aggregazione fra il 2014 e il 2015.

TERZO GRADO M5S SU PAPÀ BOSCHI.Schermaglie in Commissione Banche per le domande ripetute di Sibilia al pm di Arezzo, che solleva dubbi sul comportamento di Bankitalia .

Risultati immagini per TERZO GRADO M5S SU PAPÀ BOSCHI.

Ok Solito titolo falso e tendenzioso. Mi pare che dal contenuto dell’articolo si evinca la marginalità del caso Boschi e che in Commissione si sia parlato di ben altro. L’ufficio stampa di dalema non si smentisce mai.

Molto strano. Barbagallo dice che Bankitalia non aveva poteri:ma aveva il potere e competenza per indicare fusioni e partners? BOo. Mi aspetterei qualche indagine della Magistratura a seguito dei fatti emersi nella Commissione d’inchiesta, ma tutto tace.

Il grillino Sibilia non avendo prove delle responsabilità del sig Boschi, invece di scusarsi per essere stato uno degli artefici della gogna mediatica contro il padre della ministra Boschi, non trova di meglio che volere una CONDANNA POLITICA… sarebbe come dire che io dicessi che voglio una CONDANNA POLITICA dell’esistenza di un movimento politico fatto di ciarlatani che delle bufale fanno la loro principale fonte di notizie,dai, siamo seri, sibilia…5stelline, siete alla frutta. sibilia non sa nemmeno di cosa si parli. vi rendete sempre più ridicoli e berlusconizzati.

La calunnia è un venticello…piano piano, terra terra, sottovoce, Sibiliaando…nelle orecchie della gente si introduce destramente..
No, quanto successo in Commissione non è la rappresentazione del Barbiere di Siviglia, ma oscena realtà di un giustizialista, Sibilia, che non cerca fatti rilevanti che inchiodino Boschi padre a delle responsabilità penali, che sembrano non esserci, ma qualsiasi cosa che possa almento configurare una responsabilità politica. E la responsabilità politica di Boschi padre qual’è? Ma è chiaro, quella di essere padre della Ministra, attuale sottosegretaria, Maria Elena Boschi. Ma fatto ancora più orribile e politicamente rilevante è che Maria Elena Boschi è una renziana di ferro.
Quindi la catena è questa: bisogna trovare qualcosa, qualsiasi cosa, che inchiodi Boschi padre perché, per una sorta di osmosi parentale, quello che fa il padre si trasferisce alla figlia e da questa, sempre per fenomeno osmotico ma in questo caso amicale, a Renzi.
Questi, i pentastellati, sono gente pericolosissima. Forcaioli per vocazione, bugiardi e falsi per professione.
Possibile che in Italia vi siano così tanti ciechi e tanti sordi?

Ok Solito titolo falso e tendenzioso. Mi pare che dal contenuto dell’articolo si evinca la marginalità del caso Boschi e che in Commissione si sia parlato di ben altro. L’ufficio stampa di dalema non si smentisce mai.

 

Share

Potete chiedere a chi se ne intende, come Grillo ed il suo amico Gino Paoli

CI CHIEDIAMO:Cosa aspetta la politica a limitare i movimenti dei capitali verso i paradisi fiscali?

Lo scandalo dei Paradise Papers rischia di mostrare ancora una volta come i ricchi possano legalmente evitare di pagare le tasse. Sarebbe invece il momento di cambiare le regole

Cosa aspetta la politica a limitare i movimenti dei capitali verso i paradisi fiscali?

SEMPLICE!!,SERVONO A LORO E AI LORO AMICI FINANZIATORI,NESSUNO FA NIENTE PER NIENTE,molte persone di denaro non ne hanno mai abbastanza,invece servono ai vari comandi persone che non guardano in faccia a nessuno,TROVATE,questi ripuliscono Paradisi fiscali e mafia in pochi mesi,QUESTO é GARANTITO,non sono disponibile per motivi vari,ma io sarei uno di questi,non ho bisogno di nulla e quello che ho mi basta e avanza,anche perché mi serve poco per vivere benissimo in salute e famiglia oltre ad amici vari.cosa vuoi di più?,la luna?,ECCO SERVONO PERSONE COSÌ al COMANDO!!

La politica non ha nessun interesse a bloccare o limitare i movimenti di capitali . Dietro la politica ci sono uomini che , il più delle volte , anzi sempre , ottengono vantaggi  personali diretti o indiretti . Chi ha le leve per produrre leggi ,accordi internazionali ecc. ecc. , prima di tutto è/ sono  uomini che per essere arrivati in quelle posizioni hanno sicuramente fatto accordi , favori con  chi il denaro lo ha ! Punto . Il resto sono solo chiacchiere ! questo è il problema . In politica arrivano per lo più i mediocri che poi arrivano al potere e rendono mediocre ciò che comandano . Emblema assoluto e dimostrazione è M5S . Gli attuali capi sono personaggi che non avrebbero quadrato molto nella vita . Ora comandano.

Penso che un aiuto per trovare il modo di come contrastare questo grave odioso fenomeno possa arrivare solo dalla gente normale, quindi anche dai lettori dei quotidiani, non certo da chi, poco o tanto, per ragioni facili da capire, sia interessato affinché il fenomeno continui a sussistere. Dovrebbe quindi esserci pure tra i commentatori di questo blog chi sappia dare qualche buona indicazione, chi avesse una competenza o qualche buona idea per far qualcosa. Si faccia avanti.

 

Share

Stabilito il principio che ognuno può andarsene quando vuole, andrà affrontata anche la questione sociale derivata da questo diritto civile.Eutanasia Libera E Gratuita.

Risultati immagini per Eutanasia Libera E Gratuita.

Le decisioni di fine vita sono decisioni personalissime e, in quanto tali, devono essere prese con la massima libertà dalla persona per sé stessa. In Italia, benché la Costituzione riconosca che nessuno può essere obbligato ad alcun trattamento sanitario contro la propria volontà, non vi sono al momento leggi che regolino l’affermazione delle volontà della persona: né una legge sul testamento biologico, né sull’eutanasia.

Una radicata convinzione vuole che la questione dell’eutanasia sia esclusiva dei nostri giorni, legata alle tecniche mediche che prolungano vite “vegetali” o troppo dolorose.

Se è vero che le macchine e i farmaci dilatano agonie infinite, è vero anche che le pratiche con cui provocare o accelerare il decesso di un incurabile in Europa sono antiche e sono state spesso accettate dalla Chiesa senza tanti dibattiti (cfr Marco Cavina, “Andarsene al momento giusto”, Il Mulino).

Oggi la questione si è però concentrata in quell’“eu”, cioè nella accresciuta sensibilità del diritto a morire “bene”, senza sofferenza fisica. E qui la livella di Totò non funziona più.

Si può morire dai 10-15 mila euro in su in una clinica di Zurigo o, a scendere, procurandosi il Nembutal per 1.000 dollari sul Web, fino ai classici sistemi gratuiti e crudeli tipo salto nel vuoto etc.

Insomma, oggi l’eutanasia (con la “eu”) è per benestanti: gli altri sono condannati alla dipartita con dolore. Stabilito il principio che ognuno può andarsene quando vuole, andrà affrontata anche la questione sociale derivata da questo diritto civile.

ORA:Sarebbe davvero troppo pretendere da un soggetto come Matteo Salvini capire che la legge sul “fine vita” proprio i vivi riguarda. La prima parola, “Fine”, lo ha indotto in fallo di confusione, quindi chiedo clemenza per l’aspirante futuro presidente del consiglio. D’altronde cosa ci si può aspettare da uno che sta facendo una brillante carriera politica a suon di proclami a dir poco guerreschi?

Ecco alcune soluzioni ai problemi proposte dal Matteo non ancora mai diventato capo di governo:
I campi Rom? Spianiamoli con le ruspe!
I migranti? Affondiamoli insieme ai barconi!
I furti nelle abitazioni? Spariamo a chiunque ci provi!
Gli stupri? Castrazione chimica (se a compierla è un extracomunitario) un po se la vanno a cercare (se, invece, è un carabiniere).

Geniale no? Ed infatti in Italia ci sono milioni (mi viene da piangere) di persone pronte a dare il proprio voto per farsi governare da questo “esimio statista”.

Share

A volte mi domando come un individuo apparentemente normale possa credere a certe notizie. Non siamo mica più nel medioevo: oggi volendo si può verificare, eppure nonostante questo milioni di elettori se le bevono tutte. Chiamarle bufale no eh!il vero pericolo per la democrazia è un altro.L’ignoranza di chi ci crede.

Smettiamola di concentrarci sulle fake news: il vero pericolo per la democrazia è un altro. Il tema delle notizie false in rete è diventato centrale nella campagna elettorale. Ma se ne sta ingigantendo il peso. Piuttosto la politica dovrebbe preoccuparsi di come il nostro paese non abbia gli strumenti tecnologici e le conoscenze per fermare le infiltrazioni.

Risultati immagini per Smettiamola di concentrarci sulle fake news

Io penso che le Notizie false di cui si sta tanto discutendo, sia un argomento usato per non parlare in modo serio di politica. Ma tanti politici lo fanno, proprio perchè non saprebbero cosa dire, se dovessero parlare di politica e un’altra  parte lo fa, per non fare sapere le sue vere intenzioni politiche. Cioè, la stragrande maggioranza, interpreta male il ruolo per cui è stata eletta.

 Tra l’altro i politici stessi, spesso sono vittime delle Fake News da loro  create. Prendiamo l’argomento cittadinanza agli stranieri. Insistono con la Fake news dello Ius soli, quando  Ius soli non è, pur sapendo che  il maggior rigetto di quell’idea di cittadinanza, derivi proprio dal concetto che lo Ius soli rappresenta. Cioè il diritto di cittadinanza, per il semplice fatto di essere nati in un Paese straniero.
L’attuale proposta, non prevede questo, ma la Fake news che sia Ius soli, lo fa credere.
ALLORA: Diciamo che bevono quello che vogliono bere. Cioè, credono a chi dice una cosa che corrisponde a quanto pensano e quindi per loro è vera. E ci credono ci credono.Basti pensare a chi sosteneva che per accendere un termo valorizzatore dovevano passare sul suo cadavere,oppure in un altro caso raccoglievano firme per farlo chiudere,oppure lottavano contro l’alta velocità ed oggi la utilizzano tutte le volte che ne hanno bisogno.Ancora peggio, che si sarebbero dimessi in caso di un avviso di garanzia ed invece oggi non si schiodano nemmeno con un rinvio a giudizio, e molto altro.Ci credono ci credono.
E voi siete contenti che si debba vivere i balle? Per niente spero. Ma come risolvere il problema? Azzittire parte dei ballisti e lasciar parlare liberi gli altri è come, quando due litigano, tenere fermo soltanto uno e lasciare l’altro libero di menarlo: è peggio che non intervenire del tutto. Bloccare entrambi? E come? L’unica proposta, in questo senso, l’ha fatta il PD  “con una proposta di legge” che dovrebbe vigilare su tutto quanto viene detto, ma non so se si possa considerare una buona proposta..In Italia qualsiasi intervento tecnologico o normativo per “fermare le infiltrazioni” , quindi per arginare il fenomeno delle fake news, è visto da alcuni come un una CENSURA, come un’attacco alla libertà di espressione.Si scambia per libertà, un REATO, che si chiama TRUFFA a danno dei più deboli e a favore solo di ignobili mascalzoni, interessati solo a far cassa con la politica.
PERCIÒ:Credo che oggi il vero problema sia il giornalismo nel suo insieme, In nome di una assoluta e priva di regole libertà di stampa si danno notizie più meno(mai) verificate con analisi personali che solitamente stravolgono la realtà in nome dello scoop. La deontologia professionale da tempo è scomparsa per vendere una copia in più  o essere portatori di interessi di parte.Le  fake news sono ormai nel quotidiano e non ho mai visto un qualsiasi giornale che si scandalizzi o faccia i famosi reportage sulla notizia farlocca c’è sempre un però.
Ma insomma,…. pensiamoci.Un giornale che “serve” una notizia,è come un ristorante che serve una pietanza; ti mettono forse nel piatto uova, farina, acqua e pancetta? No di certo. Perderebbero il cliente. Allora si sbatte, si impasta, si cuoce si amalgama e si cucina,e si tira fuori una carbonara, o un’amatriciana, o quel che il cuoco vuole. A voler tuo o a discrezione sua.Ma almeno si capisse la qualità degli ingredienti…; in Perù  anni fa scoprirono ristoranti che cucinavano cotolette impanando cartone…E comunque a me piace cucinare in casa.Sai mai che il cuoco,per ignoranza o per convenienza,ti avveleni…
Le notizie false le diffondono certi politici alla Di Maio alla Salvini & combricola,anzi,più che false sono mezze verità raggirate per farsi belli,tradotto,non servono a chi ne ha bisogno,ma solo a loro per farsi Propaganda,di Democrazia si riempiono la bocca,è già limitata,specialmente se ti serve un documento,servono marche da bollo ovunque,pagarle,anche una visita obbligata per legge,o se devi cambiare intestazione al tuo telefono,servono certificati,carte d’identità,tessera sanitaria,mentre basterebbe una firma su dichiarazione di veridicità,punto,visita obbligata deve essere gratuita,questa è democrazia,eliminare la burocrazia,si fa tutto con un ufficio e una persona,in un minuto. COMUNQUE,in politica devono andare solo persone pulite,zero problemi con la giustizia,anche chi ha avuto prescrizioni o scadenze termini,non possono andare in politica se non prima volere essere assolti nel processo.

A volte le notizie vere, sono più deleterie di quelle false, proprio perché vere. Non ci si può difendere dalla verità, se non prendendone atto con rammarico. Per mesi ci hanno rotto gli zebedei,con la storia della legge elettorale che ci doveva far sapere, un minuto dopo la chiusura dei seggi, chi ci avrebbe governato. Sappiamo come è andata. Ora hanno fatto una legge che al contrario, non ci farà nemmeno sapere al termine degli scrutini chi ci governerà. Questa è una amara verità, di cui si può solo prendere atto.  Una volta preso coscienza della verità che non ci piace, si dovrebbe però operare per modificarla.Con le prossime imminenti elezioni, avremo un’occasione Democratica eccezionale, per far modificare questo assetto politico politicante che ci opprime; il Voto! I politicanti, hanno solo paura del voto, non certo dell’astensione.Meno avversari vanno a votare, più sono contenti.

Un occasione ha questo stato di cose cari ITALIANO l’abbiamo già sprecata il 4 dicembre 2016, ora abbiamo una nuova occasione per rivoltare come un calzino questa povera ITALIA votando PD unico partito che vuole cambiare e bonificare questa palude stantia che vive su corruzione evasione e mafia  chiamata ITALIA.Provateci e per il vostro interesse caro popolo ITALIANO. Perché quelli che ti vogliono farti il lavaggio del cervello inculcandoti BALLE di certo non fanno il tuo interesse, loro cercano di continuare a gozzovigliare a spese tue,nel frattempo tu muori di fame.

Share

I regolamenti del M5S, sono come le azioni in borsa, cambiano continuamente

Stretta finale sulle “parlamentarie” M5s. Si va verso la deroga sulla doppia candidatura: collegio e listino corrispondente.Regole uguali per tutti, nessuna differenza tra eletti e neo candidati. Si programma la campagna elettorale con tour parallelo a quello di Di Maio

Risultati immagini per Stretta finale sulle "parlamentarie" M5s.

I parlamentari del M5s che si preoccupano delle regole del movimento … L’unica regola del M5s è quella di fare delle regole a secondo delle necessità …

Grillo, Casaleggio, Di Maio: I sarti della Sartoria delle Stelle.Le regole te le cuciono addosso. Però costano (i sarti), indi risparmiare ad accreditare sul conto sartoriale.
E che non si dica che in Italia manchino una buona dose di coNIglioni-meno-NI.

L’unico modo per impedire che il Parlamento diventi la casa degli impresentabili, è NON scegliere il M5* … questi signori senza arte ne parte mirano alla poltrona e, soprattutto a un lauto stipendio con i pochi click di parenti, amici e conoscenti del condominio!!!

Presente il candidato di M5S, in Sicilia, arrestato per estorsione?
Presente il consigliere regionale di M5S, che si era “dimenticato” di dichiarare le società a Malta?
Presente i TANTI sindaci di M5S, indagati, pure per cose serie?
NO GRAZIE: almeno, non cadremo dalla padella alla brace.

Presente la raggi governa tanto bene che alle urne ad Ostia si sono recati ben 1/3 degli aventi diritto. Si vede che virginella riesce proprio a trascinare le masse. E anche in Sicilia c’è stato un calo dell’affluenza. Inoltre Berlusconi è stato votato per anni ed anni nonostante i disastri. Il voto non è sempre indice del buon governo degli eletti. Persino Hitler e Mussolini salirono al potere attraverso elezioni democratiche. Vulgus vult decipi!

Nessun accenno ai programmi, ma solo alla novità. è questo che conta per voi? Quando questo povero paese capirà che la questione morale non può e non deve essere un programma politico sarà sempre tardi.

A)Talmente puliti e liberi che ne hanno messo dentro uno per estorsione e Grillo deve dire che la Mafia non esiste più ma aveva una sua morale.

B)Il voto al M5s è un voto inutile. Non fanno alleanze prima. Non fanno alleanze dopo. In pratica non governeranno. E se dovessero governare sarà perché hanno smentito di non fare alleanze come quando sono andati da Farage.

Sapete cosa fanno i m5s guardano solo allo stipendio fisso, nient altro, sono gretti, ignoranti, micragnosi e a rischio disoccupazione. un grullino o fa il militare di carriera o si candida nei 5stelle, non ha altra scelta.

Share

Dopo Di Maio ….. ora arriva Salvini……. A Palazzo Chigi mancano giusto la donna barbuta e qualche venditore di zucchero filato, ed il circo è completo.

Elezioni, Salvini : “Berlusconi lancia un candidato ogni quarto d’ora. Non è serio”

Salvini: “No candidati a capocchia. Pronto a fare il premier”

Risultati immagini per SALVIMI mancano giusto la donna barbuta

Matteo Salvini scatenato contro Silvio Berlusconi, nell’intervista al Circo Massimo di Radio Capital, dalla legge sul rito abbreviato alla situazione in Sicilia passando per il programma del centrodestra in vista delle elezioni e il rapporto con Angela Merkel. “Incredibile, chiedete a Forza Italia cosa è successo”.“Da Berlusconi poca trasparenza: voglio un contratto in dieci punti sul programma”. “No a governo succursale di Berlino”. “Grave no di Fi contro rito abbreviato per stupri”. “Mister Friuli senegalese? Non mi scandalizzo” 

Il Salvini vuole gente onesta, con la fedina penale bella pulita in lista, e poi fa compagnia brutta con Berlusconi il pregiudicato per reati infamanti, il peggior evasore fiscale di tutti i tempi ? Ma la vogliamo smettere di raccontare menzogne vergognose al popolo italiano? Siamo colmi di schifo, e per questo ci asteniamo dal voto inutile, lontani da tutta questa gentaglia che in tutti i modi si ruba i soldi dello Stato e nostri (cominciando dai fondi della Lega che il Salvini non restituisce per continuare con le frodi fiscali del Berlusconi suo alleato, qui siamo in presenza di pazzi senza alcuna esperienza che vogliono diventare premier!!!!!  come mettere in formula 1 gente che non ha mai guidato!!! questo è il pericolo numero 1,  poi altro che parlare di crisi di questi anni  con questa  gente faremo la fame peggio del Venezuela, siamo seri nessuno affiderebbe  neanche il proprio condominio a questi inesperti alla Di Maio alla Salvini gente che ha fatto al massimo lo steward al san paolo o il fuoricorso cronico all’università..avete mai visto  qualche azienda prendere  uno del bar sport  e affidargli la direzione????? Visto che si sono candidati Di Maio e ora Salvini, mi sa che è molto meglio andare sul sicuro con il PD, Renzi o Gentiloni premier sono la stessa cosa. Parlano, pensano, agiscono allo stessa maniera, con molto sale in zucca.

Miserevole come uomo e come politico, del resto in Italia ci sono tanti cloni di salvini che lo votano e credono alle sue smargiassate come ci credono quelli che votano Berlusconi. A proposito costui vede nei 5S il grande pericolo , senza però dire una parola sugli alleati con cui dovrebbe governare: Salvini e la Meloni sono antieuropeisti, anti euro , fascisti (Italia in mano ai generali) e razzisti (li espelleremo tutti(, slogan con cui fanno incetta di voti, indipendentemente da come dovrebbero gestire poi tutto il resto, economia in primis. Berlusconi poi promette di tagliare le tasse e di portare le pensioni minime a 1000 euro, senza precisare da dove proverranno le coperture. Altre bufale come la promessa solenne del milione di posti di lavoro . Ma continueranno lo stesso a votarlo, del resto gli evasori fiscali, una marea protetta dalle destre, non votano di certo il PD.

Ma si dai, un po’ di coreografia per rassicurare la base leghista, ognuno recita il suo ruolo, Berlusconi quello del moderato mentre Salvini quello del duro e puro, ognuno di loro deve pescare il più possibile nelle proprie acque che comunque al momento opportuno confluiranno in un’unico mare.

Share

Al ruspa non interessa una buona vita, al ruspa interessa la bella vita. C’è differenza…

Biotestamento, Salvini: ‘Quando si voterà ne riparliamo’

Biotestamento, Salvini: “Mi occupo di vivi, non di morti” Il leader della Lega Nord lancia una frecciata al segretario Pd: “Quando smetterà di smanettare su Facebookvedremo cosa fare sulla legge sul finevita”

Risultati immagini per Biotestamento, Salvini: "Mi occupo di vivi, non di morti"

Populismo è proprio questo, vallo a dire ad un malato di sla, vallo a dire ad uno con un cancro o un tumore terminale la buona vita. La cazzata del giorno sono GLI SLOGAN CHE PROPONGONO SOLUZIONI INATTUABILI DI SALVINI. Neppure la limitata intelligenza del leghista giustifica affermazioni di tale insensatezza e ignoranza. Se pensiamo che questo potrebbe essere il prossimo capo del governo c’è poco di cui rallegrarsi.Che miserabile individuo ….   gli auguro di non avere mai bisogno di una legge sacrosanta e attesa da tanto tempo, come si fa a dire che il Pd la sta usando a fini elettorali io non lo so,  e non so neppure come ci siano delle persone che li votano ancora e gli credono pure quando spara c…..te  sui migranti , sulla Legge Fornero sull’Euro e chi più ne ha più ne metta , ma soprattutto  nonostante i vent’anni di governo con Berlusconi che hanno portato l’Italia sull’orlo del baratro  ….  !!Io invece ne ho le palle talmente piene di questi personaggi che gli auguro proprio di averne bisogno… Guarda un po’. Lo dicono loro che a sinistra siamo “buonisti”, no? Bene, da oggi divento “cattivista” come loro.Questa è la destra più becera, grottesca e antistorica che l’italia abbia mai conosciuto. Un appello a tutte le forze politiche di buon senso per scongiurare che questa accozzaglia possa giungere ad una maggioranza di governo. Salvini prima di tutti, e poi i leghisti in genere, sembrano fermi ancora al medioevo. La fine vita comunque è una cosa che riguarda i vivi, i morti non hanno più questo problema.

Salvini rappresenta l’Italia ipocritamente bigotta, dalla visione ristretta, dal pensiero rudimentale, simile alla Francia della Le Pen. Dicendo così pensa di attrarre le simpatie di qualche parroco reazionario o degli integralisti cattolici. Poichè questa Italia esiste ed è il suo elettorato, fa bene a dire queste cose e probabilmente arriverà al 13%. Bisogna vedere se i moderati liberali, laici e moderni sono disposti a votare la coalizione in cui la Lega è presente. Ora tutti coloro che hanno a cuore i diritti civili, anche i più elementari, capiscono per chi non bisogna votare

Share

Al di là di proclami vari, Kim Jong-un sa meglio di chiunque altro che un momento dopo aver tirato un petardo contro un obiettivo americano, della Corea del Nord rimarrebbe un cumulo di detriti.

E se la Corea del Nord lanciasse la bomba? Come si potrebbero difendere gli Stati Uniti se Kim Jong-un decidesse di usare il suo arsenale nucleare.

Ma infatti nessuno si chiede che fare in caso di un attacco dell’Etiopia o della Libia all’Italia, per cui: su che base fattuale ci si pone la domanda di cosa fare in caso di un attacco della Corea del Nord agli USA?
1. La Corea del Nord non può attaccare, la sua dotazione nucleare è al più uno strumento valido per ritorsioni nel caso subisca un attacco: ha dei buoni missili (che tra l’altro vende da tempo all’Iran), sicuramente in grado di raggiungere gli “alleati” regionali degli USA, ma che non è detto siano in grado di raggiungere gli USA stessi (e, se anche fosse, che ben difficilmente potrebbero essere precisi come nelle immagini dei tg nordcoreani, col missilotto che colpisce il Campidoglio o scioglie il Golden Gate!); soprattutto avrà una ventina di atomiche in tutto, che non è detto sia in grado di lanciare coi missili.
2. La Corea del Nord non vuole attaccare, e, che io sappia non ha mai minacciato di farlo, neppure a livello di propaganda ad uso e consumo interni; al contrario: nel ’94 aveva fermato (e mantenuto fermo per otto anni) l’unico impianto nucleare per l’arricchimento, ed aveva già negoziato la vendita di tutto l’arsenale balistico, in cambio di una compensazione economica (combustibile e cibo), ma soprattutto pace, normalizzazione dei rapporti, ed impegno USA a non attaccarla; la storia del pazzo che vetrifica città per diporto è bieco pregiudizio in salsa razzista dell’uomo bianco (lo stuff della Albright pare trovasse Jong Il brillante e spiritoso; con Bush figlio si ritorna ai “pigmeo”, che dopo la successione diventano “cicciottello” e “capelli a banana”, che ritrovi puntualmente un po’ ovunque, compresi i commenti qui sul Post).

PS: le cose cambiano per chi può dimenticarsele; certo noi possiamo vivere tranquillamente tutti i nostri 80 anni di vita media senza aver sentito nominare neppure un singolo evento della guerra in Corea; ma in Corea il ricordo di quei fatti (e, guerra a parte, l’occupazione USA ha diviso una nazione unita da una storia millenaria) è piuttosto vivo — anche se sembra indebolirsi proprio nell’ultimo decennio, con l’ultimissima generazione di “sudcoreani”. In Corea, poi, ci sono stati sì massacri in stile Badoglio e Graziani (anche peggiori; e da ambo le parti); ma si è andati oltre, c’è stato proprio un genocidio.

PERCIÒ :Non sottovaluterei quello che può fare ad un uomo l’esperienza del potere assoluto vissuta all’interno di una cerchia ristretta di persone. Qualcuno potrebbe pensare di essere onnipotente.Il punto è che a lui dei coreani non sembra importargliene più di tanto. Però se la Cina dovesse continuare a dimostrarsi ancora più insofferente nei suoi confronti, potrebbe concretamente fargli abbassare un po’ la cresta.

E’ quello che si dice ogni volta che gli Stati Uniti entrano in guerra, previsioni che vengono sempre disattese.Entrambi i paesi sono campioni della propaganda.
Missili a 10 mach che colpiscono a piu’ di 10000km da parte della Corea?
Sistema antimissilistico col 50% di successo da parte USA? Mi sembrano delle grandi sboronate. Due tizi una volta ebbero una conversazione: il primo, tale Kennedy disse “Abbiamo missili nucleari in grado di distruggervi 30 volte”. Il secondo, tale Chruščёv, rispose “Abbiamo missili nucleari in grado di distruggervi una sola volta, ed è quello di cui abbiamo bisogno”. Al di là del fatto che la Corea probabilmente non distruggerebbe gli Usa, perciò con questo  ragionamento è come dire che di fianco ad un kamikaze sei al sicuro perché tanto non si farebbe saltare in aria perché se no muore anche lui.

Ma io ho un ingiustificato sospetto che siano un pelo più avanti delle pagliacciate che ci mostrano apposta per sembrare più bischeri e innocui di quanto in realtà non sono.Ora per mé. Il vero freno alla follia di questi due Tramp e Kim-Jong Un è la Cina: colpire gli Stati Uniti, oggi, significherebbe provocare enormi ripercussioni economiche a danno degli eredi di Mao, che, di fatto, sono proprietari di un pezzo notevolissimo degli USA ed il loro più importante creditore.

La fine io la prevedo così: Gli USA esagerano a fare gli sboroni, la NK sbotta, a questo punto i cinesi gridano “guardate un missile!” e mentre tutti guardano sostituiscono in blocco la Korea del Nord con qualcos’altro, abitanti compresi.Poi con calma, adesso che sono i nuovi adulti del mondo, mettono in riga i vari bambini litigiosi.Fine dell’Impero Americano, inizio del Nuovo Celeste Impero.

 

Share