POVERA ITALIA ABBIAMO UN GOVERNO DI IGNORANTI.Ignoranti sulla Tav,ignoranti su con Maduro o Guaido, ignoranti sulla storia, ignoranti su tutto. Se poi la linea la detta “el Chavez Battista” siamo fritti, altro che repubblica delle banane.

Risultati immagini per POVERA ITALIA ABBIAMO UN GOVERNO DI IGNORANTI

Vertice a Palazzo Chigi senza Di Maio. Contrasti su Tav e Venezuela. Salvini: “Il testo costi-benefici? Non l’ho letto”

La maggioranza a caccia di una difficile intesa su alta velocità e sulla politica internazionale. Il sottosegretario M5S Di Stefano assicura che l’intesa è stata trovata sul caso Guaidò-Maduro. Ma il leader della Lega frena: “Commento dopo, non sono un veggente”

Salvini con la TAV darà il colpo di grazia ai 5S!

Ignoranti sulla Tav, ignoranti sulla storia, ignoranti su tutto. Se poi la linea la detta “el Chavez Battista” sia fritti, altro che repubblica delle banane.

Se veramente i grullini faranno saltare la TAV, prepariamoci ad un rapido ritorno al medioevo. In Europa boicotteranno tutto ciò che è italiano e ci faranno restituire fino all’ultimo quattrino i soldi già spesi dalla Francia più i fondi già erogati. Altroché convogliare i denari su altri progetti… ma quali fondi? La cassa sarà vuota. Rimarremo senza TAV e senza alcuna altra opera.

I 5$ sembra che non capiscano il perché e il come hanno vinto: credono, infatti, che abbiano vinto perché NOTAV. Il grande bacino di voti del Mo Vi Mento è stato nel Sud e all’elettorato meridionale il fatto che si faccia o non si faccia la TAV non sembra essere, a mio parere e tranne che per alcune frange ideologiche, una grande priorità. Al Nord la sensibilità esiste, ma è a favore della TAV e delle grandi opere in generale: chi si oppone è anche qui una minoranza, più consistente forse, ma altrettanto ideologica. Insomma, la TAV è una questione troppo territoriale perché i 5$ ne possano trarre un effettivo giovamento elettorale, specie dopo le retromarce ILVA, TAP, MUOS. Tralascio il fatto che sulla famosa analisi si litigherà: non dimenticate che Toninelli è abituato, da bravo liquidatore sinistri, a cambiare le carte – e le cifre – in tavola!

Si TAV Torino-Lione, si TAV Brescia Verona, si metro Torino e Milano-Monza, si ad investimenti massicci nel sistema ferroviario lombardo (Trenord e RFI per rete), si agli olimpiadi Milano Cortina, si alla riapertura dei navigli. Il paese ha un disperato bisogno di investimenti e infrastrutture. Alla fine il M5s si è smascherato. Il blocco totale alle infrastrutture serviva solo per finanziare il reddito. Altro non interessa. Solo che il nord dovrebbe concedere il rdc al sud, mentre come ringraziamento si blocca tutto al nord. Assurdo e ingiusto!

ALTRA ASSURDITÀ CHE ARRIVA DAI SOCI DI MERENDE:Con! Un incredibile silenzio a Palazzo Chigi sul loro progetto di usare gli 86-91 miliardi della nostra “riserva aurea” per soccorrere la Legge di Bilancio che non può reggere. Fare attenzione che se i nostri creditori vengono a sapere che ci dobbiamo vendere i gioielli di famiglia… Non sarebbe meglio fare come Benito, cioè chiedere l’oro alla Patria? Si vestono di nero, munirsi di medaglie e ci sarà una adesione spontanea dei fedelisimi. Considerando 10 milioni di affezionati ed una fede d’oro ciascuno (6 gr. oro) si avrebbe che 10 milioni di fedelissimi porterebbero 60 milioni di grammi di oro usato, che alla quotazione odierna di 25,44 €/gr. ci darebbero subito 15 miliardi e 264 milioni. E se lo fanno siamo disposti ad abbonare i famosi 48 milioni…

Che tristezza aggiungo: sul Venezuela, vogliono far passare come “essere neutrali” il non schierarsi con Maduro o Guaido, in realtà semplicemente non hanno le palle per prendere una posizione.

Tra balle accuse omissioni lisciate… quando torna una sana competizione a gareggiare di innovazione ed efficienza? a bloccare tutto ci riesce chiunque, anche un depresso. la difficoltà è agire incastrando ogni problema in soluzioni che reggano, non spalmare soldi qua e là come cerotti su ferite sanguinanti. l’Italia da fuori sembra uno di quei Paesi baciati da mille fortune, ovunque la sforacchi esce acqua sorgiva, il paesaggio cambia ogni chilometro, dalle spiagge alla neve, e l’arte che ne accentua la bellezza è l’insieme dei ragionamenti che hanno funzionato, la forma realizzata di una società intelligente e vivace. e adesso…?

Voi vi rendete conto chi abbiamo al governo? Uno che mentre l Italia è in recessione lo spread sale e tutti i parametri economici sono negativi…mette un lunghissimo post su sanremo attaccando la giuria di radical chic (Di Maio) attacca la FRANCIA (Di Maio) non appoggia il Venezuela (Di Maio) vuole bloccare l alta velocità tra Italia e Francia (Di Maio) fa salire il debito pubblico per misure inutili assistenziali (Di Maio) uno che fomenta clima odio verso chiunque la pensi diversamente da loro ( Di Maio /Salvini) uno che mentre la sicurezza in Italia è deficitaria basta vedere l ultimo episodio di Acilia o i tantissimi femminicidi annunciati anche da parte di italiani pensa di risolvere tutto non facendo entrare in Italia 300 disperati (Salvini) uno che si vanta di aver smantellato la legge Fornero e si e no gli ha fatto un buffetto Ssalvini). Povera italia. In 8 mesi 0 risultati.

Si ritiene che lo stato abbia il primo dovere di istruire e far crescere la cultura del popolo. Non è assolutamente vero! Il primo intento di ogni potere che voglia conservarsi come tale è rimbecillire il popolo. Ed è questo il progetto attualmente in atto nel momento in cui il dibattito politico viene forzato sulle frontiere del trash chiamando la gente a discutere sui vaccini, sulle sorti di un treno, sulle felpe che indossa il caprone che guida l’armento, o su cosa il caprone mette nel suo piatto a colazione, su 100 migranti, sulle pistole da comprare, sulla razza del vincitore di Sanremo. Se qualcuno, osasse intervenire in senso critico attirando l’attenzione sui veri problemi che interessano la collettività, viene affrontato con arroganza (se persona semplicemente nota) o minacciato o cacciato, se dirigente pubblico.VEDI RENZI.

I media sono da due giorni profondamente rattristati per la disfatta del m5s in Abruzzo. La sentono come quei genitori tormentati da un figlio inquieto per il suo modo dissoluto di condurre la vita. Senonché, come si suol dire, la colpa non è dei genitori per le scelleratezze dei figli, ma sono essi stessi colpevoli di avere una concezione malsana della vita. In altri termini: non ci si può aspettare niente di meglio da un regime mediatico che, riflettendo lo spirito destrorso e populista della cultura nazionale fondata sulla forma sovrastorica e onnicomprensiva del cristianesimo, vi si asserva e in base alla natura reazionaria della destra italiana svolge la funzione di combattere politicamente e ideologicamente la sinistra per la sua diversità sul piano etico e lo spirito profuso al servizio della società e dello Stato di diritto. Chi ha perso, oltre al m5s, sono perciò i media.

POVERA ITALIA ABBIAMO UN GOVERNO DI IGNORANTI.Ignoranti sulla Tav,ignoranti su con Maduro o Guaido, ignoranti sulla storia, ignoranti su tutto. Se poi la linea la detta “el Chavez Battista” siamo fritti, altro che repubblica delle banane.ultima modifica: 2019-02-12T11:46:12+01:00da bezzifer
Reposta per primo quest’articolo
Share

Lascia un commento