Primarie Pd, vince il caos: i renziani rompono le righe, e Renzi ormai pensa a Ciudadanos

Cronaca di una giornata di ordinaria follia: Lotti chiede di convergere su Martina, Giachetti e Ascani si candidano, i milanesi virano su Zingaretti. E Renzi parla di tutto, tranne che del Pd: evocando un partito che non c’è, e guardando sempre più nel campo avverso. “La confusione è grande sotto il cielo, la situazione è ottima”. Se il mondo fosse … Continua a leggere

Share

E i renziani scelgono Martina, ma il gruppo è diviso. Ticket Giachetti-Ascani

Qualcuno dei suoi finirà per appoggiare Zingaretti, ma l’ex premier non ne fa un dramma. ‘Too big to fail’, dicono gli americani quando devono spiegare che un’azienda è troppo grande per fallire. Avrebbe ripercussioni enormi su un intero sistema. Ed è anche la motivazione per cui Matteo Renzi non può abbandonare il suo progetto politico in ‘solitaria’ per ricandidarsi alle primarie del Pd. … Continua a leggere

Share

Matteo Renzi: Sa a che cifra punto? Io punto al 51% non come partito ma come persone che non credono a questo governo”.

Matteo Renzi: “Un nuovo partito non è minimamente all’ordine del giorno” Matteo Renzi a Porta a Porta risponde a una domanda sull’ipotesi della nascita di un nuovo partito guidato da lui: “È un tema che non è minimamente all’ordine del giorno. Sa a che cifra punto? Io punto al 51% non come partito ma come persone che non credono a … Continua a leggere

Share

Aspettiamo Porta a Porta e forse sapremo meglio come andrà a finire. La partecipazione di Renzi oggi non è casuale. Mi aspetto un colpo di scena

Pd, mandato a Guerini per appoggio a Martina. Ma la corrente è divisa L’incarico di esploratore al presidente del Copasir che insieme Marcucci nel vertice ha sostenuto: “Troppo tardi per una candidatura di area alle primarie”. Molti però non sono d’accordo. Voci di un ticket Giachetti-Ascani. Irritazione per la risposta di Martina a Renzi: “Più che il lanciafiamme servono ago … Continua a leggere

Share

Le tre opzioni di Renzi

Roberto D’Alimonte, politologo e sostenitore della riforma della Costituzione naufragata con il governo Renzi il 4 dicembre, scrive oggi un editoriale sul Sole 24 Ore in cui analizza le opzioni a disposizione di Renzi, definito l’Amleto della politica italiana:       La prima è quella di non fare niente. Stare alla finestra e vedere che succede. Non partecipare al congresso, non sostenere alcun … Continua a leggere

Share

Renzi, il lanciafiamme e l’abbraccio mortale

RENZI per ora dice di non voler fondare alcun partito personale. Meglio appoggiare Martina e riprendersi il Pd per interposta persona. Lasciandosi aperta ogni via di fuga. Non dev’essere il massimo per l’attuale stato maggiore del Pd affannarsi al capezzale del partito mentre qualcuno da fuori gli ruba costantemente la scena. In questo Matteo Renzi rivela un’abilità diabolica: fa il pompiere di giorno, spargendo rassicurazioni … Continua a leggere

Share

È legittimo cambiare idea, specie se ti offrono incarichi importanti. Ma! Io penso che le idee valgano più delle poltrone”. MATTEO RENZI.

I “messaggini” di Giuseppe Conte per complimentarsi con Matteo Renzi In un’intervista a Vanity Fair, Matteo Renzi ha raccontato: “Conte me lo ricordo, quando ci mandava i messaggini tutto contento e entusiasta delle riforme che facevamo, della Buona Scuola, del referendum… A suo tempo, nel 2015, aveva tutta un’altra posizione sullo sforzo riformatore del Governo Renzi. È legittimo cambiare idea, … Continua a leggere

Share

GOVERNO GIALLOVERDE ITALIANO DAI PRENDI ESEMPIO DALLA BREXIT !VOI ABBANDONATE L’UE? E NOI VI ABBANDONIAMO AL VOSTRO DESTINO.

VOI ABBANDONATE L’UE? E NOI VI ABBANDONIAMO AL VOSTRO DESTINO – JUNCKER: ”L’ACCORDO SU BREXIT È L’UNICO POSSIBILE. NON SI RIAPRE IL NEGOZIATO”. LA PREMIER CORRE A BERLINO A CHIEDERE AIUTO ALLA VERA PADRONA D’EUROPA, LA MERKEL, MA IL MINISTRO TEDESCO PRECISA: ”NON AIUTERÀ THERESA MAY PER IL NEGOZIATO” – FRANCIA: ”UN’USCITA SENZA ACCORDO ORA NON È IMPROBABILE, NOI SIAMO … Continua a leggere

Share

“Mi prendo la responsabilità, la collera è giusta” Emmanuel Macron sui gilet gialli

Il presidente francese, Emmanuel Macron, si prende parte della responsabilità sulla protesta dei gilet gialli e afferma di capire la rabbia e l’indignazione scoppiate nelle ultime settimane: “Servono misure profonde. La collera è giusta, in un certo senso”. E annuncia un aumento del salario minimo di 100 euro. Il presidente francese Emmanuel Macron ha scelto un messaggio in diretta tv … Continua a leggere

Share