Un giorno vede il boom un altro la recessione.E pensare che c’è pure gente che ancora gli crede !

Di Maio, dal boom alla recessione: “Se c’è la crisi bisogna aiutare i ceti deboli”

Di Maio, dal boom alla recessione: "Se c'è la crisi bisogna aiutare i ceti deboli"Il vicepremier 5Stelle abbandona in poche ore l’ottimismo sulla crescita. E intanto annuncia per giovedì il consiglio dei ministri che dovrà approvare reddito di cittadinanza e quota 100: “Nel decreto anche il taglio delle pensioni dei sindacalisti”

Il  bugiardo  seriale  non  si  smentisce mai,  prima  dice  una  cosa  poi  dopo  qualche ora  cambia  idea  e  si  contraddice.L’autostrada digitale lo fa viaggiare velocissimo tra fantasie, bugie e fake news.Neanche dottor Jekyll e del signor Hyde! Quante ancora ne dobbiamo sentire?veramente  cambiamenti a 370 gradi! Neanche il peggior nemico del signor di maio poteva auspicare una linea così dritta! Ma quando era steward riusciva almeno a dare indicazioni dei posti allo stadio?

Bum bum bum, il ministro dello sviluppo economico che prima vede il boom, tipo anni ’60,  tagliando stade autostrade ponti ferrovie, ma solo potenziando le……..autostrade digitali….poi si accorge che la produzione industriale sta pericolosamente franando e torna sull’unico tema che conosce: il reddito a chi non lavora, naturalmente finanziato non si sa da chi, o meglio da noi.

Conosco giovani che lavorano per meno di 1.000 e al mese pagando regolarmente tutte le tasse.
Con il “reddito di cittadinanza” verranno favoriti solo i lavoratori “in nero” ( che specie al Sud, sono numerosissimi) che risultano ufficialmente disoccupati e che già vivono benissimo senza pagare un euro di tasse. Oppure anche chi del lavoro non sa che farsene e che troverà ( siamo in Italia!) tutti i modi per evitarlo.
E conosco anche pensionati che dopo anni di lavoro e di contributi pagati, prendono pensioni inferiori ai 1.000 €  e che vedranno chi non ha mai versato un solo contributo, prenderne 780. Questa è l’equità a 5 stelle….finanziata, manco a dirlo, da chi le tasse le PAGA.

Auto strade digitali, diceva ieri.Ma certo, con i “navigator” co.co.co. e 1 miliardo per riformare i Centri per l’impiego (quando in Germania ne hanno spesi 20 volte tanto e ci hanno messo 10 anni per riformarli.

E perché non chiuderli del tutto ed infiltrare i famosi provocatori (previsti dalla splendida legge anticorruttori) presso chi usufruirà del reddito di nullafacenza? Magari si risparmiava soldi.Ah già, così aumenta l’occupazione (ma solo nei centri)….
Non è possibile, questo personaggio tirato fuori dal cilindro delle votazioni online sul ‘sacro blog’, nominato ‘capo politico’, vice presidente del consiglio nonchè ministro del lavoro e dello sviluppo economico nel giro di meno di 24 ore è riuscito a dare prova delle sue capacità.
Prima ha parlato di boom economico stile anni 60 poi è passato con una disinvoltura ‘disarmante’ a parlare di rischi di recessione… insomma, delle due l’una, o non ha la più pallida idea di ciò di cui sta parlando oppure crede in ciò che dice senza avere alcuna consapevolezza delle conseguenze … direi che comunque ha seriamente bisogno di qualcuno che gli dia una mano.
Un giorno vede il boom un altro la recessione.E pensare che c’è pure gente che ancora gli crede !ultima modifica: 2019-01-12T18:03:42+01:00da bezzifer
Reposta per primo quest’articolo
Share

Lascia un commento